Barbarie

Chi è, oggi, il vero barbaro? È colui che insidia e minaccia la nostra civiltà? È l’altro da noi, è il diverso, è lo straniero? O l’autentica barbarie si annida, oggi più che mai, in questo nostro Occidente che reca anche nel nome l’annuncio del tramonto? Per i Greci, barbaros è in origine “colui le cui parole somigliano a un balbettio”: è colui la cui lingua non si comprende. Servono secoli di...

Continue reading

Posthumous People

Friedrich Neitzsche imagined himself belonging to a society of visionaries, thinkers, architects, poets, musicians, and artists running ahead of the mainstream. They were condemned to be misunderstood or ignored in the present, but their work would become significant in the future. To them he addressed the aphorism from which Massimo Cacciari’s book takes its name, saying “It is only after death that we will enter our life and come alive, oh,...

Continue reading

Arte, tragedia, tecnica

A un primo sguardo sembra che non ci siano attività più diverse della tecnica e dell'arte. Paradossalmente, invece, esse hanno una radice comune nella techne dei greci. Così, Massimo Cacciari e Massimo Donà mettono a fuoco l'ambiguità del ""fare"" umano, a partire dalla condizione tragica dei mortali: un excursus che idealmente va dal mito alla scienza, da Eschilo a Heidegger - attraverso tutti i fantasmi del ""metodo"",...

Continue reading

Il potere che frena

Nella Seconda lettera ai Tessalonicesi, che la tradizione attribuiva a san Paolo, compare l'enigmatica figura di una potenza: il katechon, qualcosa o qualcuno che trattiene e contiene, arrestando o frenando l'assalto dell'Anticristo, ma che dovrà togliersi o esser tolto di mezzo – affinché l'Anti­cristo si disveli – prima del giorno del Signore. E l'in­terpretazione di quella figura è qui lo sfondo su...

Continue reading